lunedì 14 novembre 2011

Black List... ovvero cosa non fare, cosa non scrivere, cosa evitare

Da stasera apro una nuova sezione nel blog, dove raccoglierò indicazioni relative a tutto ciò che non si deve fare quando si scrive un documento.


E' un approccio un pò diverso, un punto di vista alternativo e molto pragmatico. Spesso quando scriviamo un documento facciamo errori, alcuni marginali, altri inaccetabilmente grossolani.

E' estremamente comune rilevare delle lacune, spesso gratuite, in documenti dai contenuti magari apprezzabili, ma che sarebbero stati meglio valorizzati se tali errori non fossero stati presenti.

La Black List è uno dei "ferri del mestiere" che bisogna tenere a portata di mano, un repository di osservazioni che si arricchisce strada facendo e che via via ci guida a ridurre il tasso di errore o per lo meno a non ripetere, diabolicamente, sempre gli stessi passi falsi.

Spero di potervi indicare delle cose interessanti e spero vi (ci) possa tornare utile.

Condividi


Articoli correlati per categorie



2 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi meraviglia da parte di un tecnico della scrittura l'uso di un obbrobrio colloquiale che dilaga di questi tempi : il "piuttosto che" usato al posto di un più azzeccato, oltre che sintetico "o"
Marco Boldrini

Alèxandròs ha detto...

Buonasera Marco. Accetto l'osservazione. L'uso di "piuttosto che" nel senso disgiuntivo di "oppure"/"o" non è corretto. "Piuttosto" è un avverbio che deve essere usato per esprimere una relazione di preferenza, nel senso di: più spesso, preferibilmente. Ad esempio: ora non ho fame, berrei piuttosto (preferibilmente) un'aranciata. A volte si sbaglia, specie quando si scrive molto e i tempi stretti a volte non consentono la necessaria rilettura. Grazie per l'attenzione.

Posta un commento

Posta un commento